Company Logo

Logo DFD LLP logo


NOTA BENE: Questo sito utilizza i cookie necessari allo svolgimento delle attività istituzionali.

La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione e l'autorizzazione all'utilizzo di tali strumenti.

Approvo
slide 1 slide 2 slide 3

rsz marchio accredia organizzazioni certificate 72rsz 1iso 9001 1 1

EDUCAZIONE ALLA SALUTE 

Referenti: Prof. Menconi Corrado, Lorenzo Dell'Amico.

“Per una scuola che promuove salute”

Le Organizzazioni internazionali per la salute da sempre identificano la scuola quale istituzione potenzialmente in grado di svolgere un ruolo cruciale nell'incidere sugli stili di vita e sui comportamenti, presenti e futuri, della popolazione giovanile. Promuovere a scuola la cultura della salute significa far prendere coscienza ai giovani delle proprie scelte, guidarli a far sì che la salute ed il benessere diventino veri e propri stili di vita. La scuola si configura, infatti, come luogo di apprendimento per eccellenza, come contesto privilegiato, per professionalità e strutture, per integrare conoscenze e capacità attraverso l'insegnamento di un curriculum sulla salute. Promozione viene quindi a coincidere con educazione, intesa come l'insieme di quelle attività e strategie che consentano alle giovani generazioni di assumersi responsabilità propositive nei confronti della propria salute e di quella della collettività.

In questa prospettiva il nostro Istituto si impegna ogni anno a realizzare percorsi e progetti atti a diffondere la cultura della salute e del benessere e a migliorare la qualità della vita all'interno del sistema scolastico per alunni, genitori e docenti che in esso operano quotidianamente. Finalità generale, quella di favorire lo sviluppo tra gli alunni di abilità cognitive e sociali che li mettano in grado di accedere, capire e usare le informazioni utili per il proprio benessere personale e sociale. Le nostre proposte prevedono esperienze formative in grado di far acquisire ai giovani un set adeguato di life skills, ossia di abilità e abitudini di vita, capacità di scelta, strategie metacognitive, che li rendano capaci di sviluppare comportamenti positivi ed efficaci rispetto alle domande e alla sfide della vita quotidiana.

Queste, nello specifico, le life skills che, attraverso i nostri progetti, intendiamo prioritariamente implementare:

 

  stella salute

 PROGETTI A.S. 2017-2018

 

Il servizio di Educazione alla Salute del nostro Istituto, in collaborazione con l’ASL e le associazioni ed enti preposti alla prevenzione presenti sul territorio mira, dunque, a promuovere nella scuola situazioni di benessere, di agio e di motivazione che si traducano in comportamenti consapevoli  e responsabili attraverso i seguenti progetti:

 

 

PROGETTI  EDUCAZIONE ALLA SALUTE

 

A- Progetto Centro Sportivo Scolastico

 

Attività di gruppo sportivo come segue:

 

-        Danza ginnastica: saggi d’istituto, campionati e gymnaestrada.

 

-        attività di gioco di squadra (pallavolo, pallamano): organizzazione di partite e di tornei interni, partecipazione a campionati studenteschi e tornei.

 

-        Corsa campestre, atletica leggera.

 

-        avviamento allo sci: tre giorni bianchi.

  

B-

 

Titolo del progetto

BREVE DESCRIZIONE

Trekking storico-artistico

Il progetto vuole far conoscere agli studenti il territorio circostante la città di Carrara (Alpi Apuane, Lunigiana, 5 Terre, ecc.) con delle camminate di un giorno. Le uscite, che rientrano nel "turismo lento" oggi particolarmente valorizzato, verranno fatte in aree di valore sia storico-artistico che naturalistico, con una preparazione in classe, l'illustrazione delle emergenze del territorio visitato (da parte dell'insegnante, di apposite guide o degli stessi studenti), e un lavoro di sintesi finale.

Collaborare creando

Il progetto, in continuità con gli anni scorsi,  mira ad affiancare al curricolo scolastico degli alunni diversamente abili presenti nel nostro Istituto l'insegnamento delle cosiddette "abilità funzionali di vita". L’attività prevede l'utilizzo di metodologie basate sulla partecipazione attiva dei soggetti coinvolti, insieme a piccoli gruppi di compagni di classe, che permettano l'integrazione, la collaborazione, favorendo così la comunicazione, la socializzazione del singolo e la crescita collettiva.

Nella realizzazione di questo percorso educativo in ambito scolastico, l’Istituto si propone di trasformare l'aula, tradizionalmente intesa, in laboratorio vissuto come luogo di scoperta, di ricerca creativa in situazione di costante sperimentazione.

PEZ – Progetto Educativo Zonale

Il progetto si compone di 3 attività distinte:

1)           Un laboratorio teatrale finalizzato all’inclusione scolastica di alunni con disagio socio-culturale, alunni stranieri e disabili. I soggetti ammessi al progetto lavoreranno insieme ai compagni di classe per creare uno spazio espressivo attraverso lo sviluppo di linguaggi diversi da quelli convenzionali, inspirato alla collaborazione, al rispetto, alla valorizzazione delle diversità. L'inserimento di parti in lingua straniera (canti, brevi dialoghi) consentirà di rafforzare le abilità linguistico-espressive degli alunni coinvolti anche in L2.

2)           Attività di sportello psicologico: l’attività di sportello riguarderà docenti ed alunni in relazione alle problematiche di ascolto, autostima, comunicazione, relazione tra pari, relazione con gli adulti e di disagio di vario tipo. Potranno essere effettuati interventi rivolti anche all'intero gruppo classe.

3)           Attività di sportello pedagogico: una serie di interventi individualizzati finalizzati al potenziamento delle componenti metacognitive, di promozione delle abilità di studio (comprensione del testo, soluzione dei problemi, intelligenza numerica, analisi delle difficoltà scolastiche in direzione di un superamento e metodo di studio) e attività di orientamento scolastico.

Conferenze sull’alimentazione

Gli alunni del primo anno di tutti gli indirizzi saranno interessati ad una serie di incontri, in collaborazione con l’ASL, su una corretta alimentazione, un tema di estrema importanza in un periodo così difficile della crescita fisica, psicologica e culturale dei ragazzi. Verranno affrontati temi come l’anoressia e la bulimia e tutti gli altri argomenti per consentano agli alunni di avere piena conoscenza e consapevolezza che una corretta alimentazione consente un ottimale sviluppo del corpo e della mente.

Prevenzione alle dipendenze e al doping

Una serie di incontri riguarderanno tutti gli alunni delle seconde delle tre sedi. In collaborazione con l’ASL, alcuni esperti presenteranno le varie dipendenze, alcool, tabacco, droghe, ludo patie, disordini da dipendenza internet, argomentando tutte le problematiche a cui possono andare in contro i ragazzi in un momento della crescita in cui sono relativamente fragili e disponibili ad esperienze trasgressive spesso foriere di future gravi problematiche. Gli interventi intendono rendere  consapevoli e responsabilizzare i ragazzi su queste tematiche pericolose.

Corso BLS

Il corso BLS (Basic Life Support) è indirizzato agli alunni delle classi 4°, sarà tenuto da docenti esperti delle pratiche di primo soccorso che comprendono la rianimazione cardiopolmonare ed una sequenza di azioni di supporto di base alle funzioni vitali. Si prevede che al protocollo BLS venga aggiunta la procedura di defibrillazione BLS/D che è lo standard progressivo nei corsi di formazione per soccorritori.

Incontri con esperti e volontari sulla donazione

Gli incontri sono destinati a tutti alunni delle classi 5°. Esperti e volontari delle Associazioni (AVIS, AIDO) illustreranno agli alunni, anche attraverso la narrazione delle proprie esperienze personali, il senso e le modalità della <<donazione>>, cercando di sensibilizzare e coinvolgere gli alunni nello sviluppare un sentimento di partecipazione e di altruismo nei confronti di chi è in difficoltà o è più sfortunato.

Educazione stradale

 

Ogni classe 5° avrà a disposizione un incontro, dove esperti della Polizia Stradale illustreranno, anche con brevi filmati, quali sono i comportamenti da assumere quando si percorre la strada con qualsiasi mezzo di locomozione. Saranno affrontati tutti i temi che riguardano la sicurezza di guida, il rispetto delle nuove normative del codice della strada e le problematiche più comuni che si affrontano durante la guida dei veicoli.

Sportello di  ascolto psicologico

In collaborazione con docenti dell’Istituto, ASL e con un Associazione di psicologi è attivato nelle tre sedi uno sportello di ascolto psicologico a disposizione di tutti gli alunni. Lo sportello rappresenta un primo step per l’alunno che si sente in difficoltà e a disagio, non solo a scuola ma anche nella vita extrascolastica o in famiglia; essendo solo un primo intervento non si può usufruire dello sportello per più di tre volte, se vi è una valutazione, da parte del professionista di un disagio profondo l’alunno viene consigliato di rivolgersi ad un servizio terapeutico.

No Trap!

(Non cadiamo in trappola!) è un programma di prevenzione del bullismo e del cyberbullismo rivolto ai ragazzi delle scuole medie e superiori.  È stato ideato e sperimentato dal Laboratorio di Studi Longitudinali in Psicologia dello Sviluppo dell’Università di Firenze, coordinato dalla Prof.ssa Ersilia Menesini.                                                                                                            Il modello di intervento prevede un coinvolgimento attivo della scuola e soprattutto degli studenti che, sulla base di un modello di peer education/peer support, diventano gli attori del cambiamento. I ragazzi, dopo un training formativo, intervengono sia in classe, sia online, nella nostra community, per dare il proprio aiuto e supporto a tutti coloro che si sentono in difficoltà. Lavorando su più livelli (online e faccia a faccia) e coinvolgendo più attori (ragazzi, docenti, psicologi), il programma NoTrap! ha l’obiettivo di:

  • ridurre l’incidenza del bullismo e del cyberbullismo a scuola e online;
  • migliorare il clima scolastico, promuovendo atteggiamenti di legalità e convivenza positiva nella scuola e nella comunità.

Il progetto interesserà 4 classi prime dell’Istituto.

 

 

Bullismo e Cyberbullismo

Per tutte le classi che non sono coinvolte direttamente nel progetto “No trap” verranno organizzati una serie di incontri, sia con la polizia postale per la parte tecnico/legale che con esperti per informare e formare gli alunni su le dinamiche psicologiche ed emotive  insite negli episodi di bullismo e cyberbullismo che permettano di prevenire tutte le forme di questo odioso comportamento.

RESILIENZA

Nell’attuale momento storico attraversato da dinamiche di forte cambiamento dovute alla cri-
si economica, alla globalizzazione e alla presenza di una complessità̀ di criticità̀, in cui il futuro delle persone è continuamente ridefinito, diventa fondamentale predisporre contesti di crescita di supporto, capaci di porre gli individui nella condizione di far fronte a difficoltà e sfide. Essere resilienti non significa, tuttavia, no esperire emotivamente lo stress e il senso di difficoltà ma implica, piuttosto,  lo sviluppo di quelle competenze emotive, sociali e cognitive necessarie al superamento delle difficoltà nonostante l’individuo sia esposto a fonti di stress. Le attività̀ sono rivolte agli alunni da un lato per sviluppare capacità di affrontare difficoltà, e dall’altro come strumento per permettere ai docenti di tenere maggiormente in considerazione i bisogni educativi soprattutto di quei bambini che si trovano in una condizione di maggiore fragilità̀ considerando anche le loro caratteristiche temperamentali, contestuali  e familiari. Il progetto prevede una serie di attività e incontri con esperti per tutti gli alunni che per varie cause possano trovarsi nelle condizioni di essere emarginati, discriminati, e soggetti ad insuccesso scolastico.

 

Motore di Ricerca




I.I.S. "M. Montessori - E. Repetti"